Dimensione del carattere 

Lunedì 24 giugno 2024

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria

   
   

   

Ricerca avanzata

06/05/2024

Vota Antonio!

Astensionismo, social e disinteresse dei partiti. Articolo di Gianluca Veronesi

   

Vota Antonio!

Metà degli Italiani non vota e nessuno se ne preoccupa.
Non leggo mai analisi, indagini, sondaggi sul fenomeno.
Eppure sarebbe semplice. Prendi le liste elettorali e intervisti -ora che il mancato voto non è più reato- coloro che non si sono presentati al seggio.
Ignoranza, indifferenza, noia, pigrizia, indignazione, superbia, confusione mentale potrebbero essere le cause.
Escludo l’odio e l’invidia che sono invece i sentimenti quotidianamente più usati dal popolo dei social per parlare di politica.
Già, perché gli internauti - chiamati odiatori da scrivania- votano tutti i giorni, più volte al giorno.
Aizzati dagli appositi uffici propaganda di tutti i partiti.
E quindi ritengono di essere ormai veri paladini della democrazia.
E come tali, artefici di quella “democrazia diretta” di cui Beppe Grillo si illudeva di essere l’inventore.
Non si rendono conto di essere diventati, invece, professionisti dell’insulto, del dileggio e del pettegolezzo.

I partiti sulla questione dell’astensionismo di massa sembrano distratti, fanno finta di niente.
Lo fanno anche perché non sono sicuri di niente. Con l’ampliamento della platea votante, le loro percentuali di consenso potrebbero risultare molto diverse.
Chi l’ha detto che le scelte degli assenti sarebbero più o meno proporzionali agli attuali elettori (che è l’alibi morale di chi non vota: “tanto il mio voto non cambierebbe nulla”) ?
Ci si astiene perché la complessità della politica è aumentata in modo esponenziale.
Questo succede perché le dimensioni economica, scientifica e tecnologica sono ormai determinanti in ogni ambito della vita collettiva, anche i più quotidiani, modesti e basilari.
Ma la politica -che non si vergogna mai di nulla- pretende di governare processi di cui non capisce nulla.

Un tempo vi erano grandi discriminanti ideologiche che semplificavano il voto.
La fede, l’essere uomo o donna (oggi ci sono numerose categorie intermedie), se si era metropolitani, cittadini o paesani.
Cambiava tutto se vivevi in fabbrica o nei campi.
Prima erano arroganti i colti; oggi sono arroganti (e di successo) gli incolti.

D’altronde la informazione fingendosi cultura ha ucciso definitivamente la scuola, già massacrata da insegnanti, studenti e genitori (decidete voi l’ordine di colpevolezza).
Tanto per essere “moderni” e adeguati ai tempi bisognerebbe spiegare alle tre categorie che per una quindicina di anni ogni adolescente è proprietario di un budget (irripetibile) da spendere per capire il mondo e il posto che in esso si vuole occupare.
Tutto quello che capiterà dopo dipende da come hai usato quel tempo e quei soldi.

E’ difficile capire come votare per i comuni, le regioni, i parlamenti italiani, figurarsi per le istituzioni europee.
Due guerre (in corso) e una pandemia non sono state certamente utili a qualsivoglia scopo se non dimostrare come unirsi, collaborare, identificarsi sia indispensabile per difendersi (in senso lato) dalle minacce del presente e -tanto più- del futuro.
Questa è la vera dimensione identitaria, non quella delle piccole patrie, egoiste e meschine.

Gianlucaveronesi

 

 

 

 

 

Piercarlo Fabbio Sindaco di Alessandria